Mouse verticale: recensione Trust Verto Wireless

Tempo di lettura: 4 minuti

Non avevo mai provato un mouse verticale e, onestamente, prima di averne uno per le mani, non pensavo minimamente che potesse essere così comodo e confortevole. Poi, complici i suggerimenti di Jinzo78 (sì sempre lui, l’attentatore del mio conto in banca, causa primaria dell’acquisto delle Cuffie Corsair Void Elite) e un bello sconto su Amazon (sempre grazie al bot di Keepa), durante il Black Friday ho acquistato un mouse Trust Verto Wireless.

Trust Verto Wireless: specifiche tecniche

Dimensioni

  • Design: Ergonomico
  • Altezza: 120 mm
  • Larghezza 63 mm
  • Profondità: 75 mm
  • Peso: 89 g

Sensore

  • DPI: 800, 1200, 1600
  • Max. DPI: 1600 dpi
  • Tecnologia: ottica

Alimentazione

  • 2x Batterie AAA (incluse nella confezione)
  • Durata: 5 mesi
Connettività
  • Wireless 2.4 GHz
  • Portata max. 10m
  • Connettore: USB 2.0 

Contenuto della confezione

  • Mouse wireless
  • Microricevitore USB
  • 2 batterie AAA

Tutte le altre specifiche di dettaglio sono disponibili sul sito della Trust, qui avete la scheda prodotto ufficiale.

Mouse Verticale Trust Verto: funzionalità

Il mouse verticale Trust Verto ha 6 tasti: vista l’ergonomia alcuni tasti sono pilotabili con indice medio anulare, altri 2 nella “parte interna” del mouse, solo col pollice, uno non è raggiungibile (ma non si usa mai).

I tre tasti esterni sono quelli classici di ogni mouse: click sinistro e destro e la rotellina per lo scrolling). Questi tasti si trovano sulla parte esterna del mouse e, ovviamente, non potrete mai raggiungerli con il pollice (ma poi, detto tra noi, perchè dovreste?).

I due tasti interni, al contrario, sono pilotabili solo col pollice. Servono esenzialmente come funzione avanti indietro quando navigate su un browser. Io non ho trovato altre funzioni. Onestamente non li uso quasi mai.

L’ultimo tasto, non è raggiungibile comodamente ma tranquilli non serve quotidianamente. L’ultimo tasto del mouse verticale Trust Verto serve solo per configurare i DPI del mouse.

Cosa sono i DPI? Dot Per Inch ovvero quanto veloce si muove il puntatore sullo schermo a parrità di spostamento “fisico” sulla scrivania. Il mouse verticale Trust Verto Wireless offre 3 configurazioni: 800, 1200, 1600 DPI. 

Cliccando il tasto sulla sommità della “cresta del mouse” cambierete questo parametro. Io mi trovo bene con il settaggio di 1200DPI ma ovviamente dipende molto dalla vostra configurazione degli schermi. 

I vantaggi di un mouse verticale

I mouse verticali sono essenzialmente dei mouse ergonomici per assecondare la postura naturale del avanbraccio e del polso. 

Fateci caso: la postura naturale del vostro polso (e quindi della vostra mano) è quella che adottate quando stringete la mano a qualcuno.  Il palmo della mano è obliquo (praticamente verticale) e di certo non è rivolto verso il pavimento.

Usando un mouse orizzontale invece è come protendere la mano rivolgendo il palmo della vostra mano vero il basso. Non è la vostra posizione naturale e, sebbene non sembri un grosso problema, state sollecitando il vostro polso, i tendini e tutte quelle parti che, alla lunga possono portarvi ad essere soggetti a sindrome del tunnel carpale ed altre “diavolerie simili” (alta terminologia medica).

Attenti però, un mouse verticale non è per ambidestri. Tipicamente hanno un design per destrorsi, tuttavia nel caso usate il mouse con la sinistra qualcosa su Amazon per voi c’è comunque.

Giusto a titolo di esempio, ecco qualche foto della mia postura nei casi in cui uso un mouse classico ed quando invece uso il mouse verticale Trust Verto.

Feeling con un mouse verticale

4.5/5

Usare un mouse verticale i primi tempi è stranissimo, in mano sembra un device molto ingombrante. Questa sensazione però è solo transitoria. Ci si abitua in fretta e si inizia ad apprezzarne la comodità.

Ho trovato molto più traumatico, invece, tornare ad un mouse classico. Toranando indietro ho percepito subito la differenza di postura dell’avanbraccio sentendola molto faticosa ed innaturale.

Per il resto è un buon mouse, già di per sè economico ma che, nel periodo giusto si può trovare ad un prezzo ancora più conveniente. Sicuramente ora che mi sono abiutuato a questa postura di certo non tornerei più ad un mouse classico.

E voi?

Che rapporto avete con i mouse verticali? Ne avete provato altri modelli? Siete intrinsecamente convinti che spendere più di 5€ per un mouse siano soldi sprecati? Ditemelo nei commenti!

E come sempre, anche in questo articolo vi ricordo che, per restare sempre aggiornati potete iscrivervi alla mailing list o unirvi al canale telegram!

Vi aspetto!

Alessandro

Ingegnere, musicista e public speaker per diletto. Appassionato di programmazione, tecnologia e qualsiasi cosa possa definirsi anche minimamente nerd!

Un pensiero su “Mouse verticale: recensione Trust Verto Wireless

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: